XVII Congresso Nazionale SIRN
Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology

Disturbi del sonno e livelli di melatonina in seguito a danno cerebrale traumatico


I disturbi del sonno si presentano spesso a seguito di un danno cerebrale traumatico e contribuiscono alla disabilità in corso, tuttavia, non sono disponibili dati conclusivi riguardo a cambiamenti specifici nella qualità del sonno e nella sua architettura misurata con polisonnografia.

Possibili cause dei disturbi del sonno includono distruzione dei ritmi circadiani di sonno-veglia, distress psicologico e risposta neuronale al danno.

Uno studio osservazionale ha valutato i disturbi del sonno e i meccanismi ad essi sottesi in un campione di 23 pazienti con danno cerebrale traumatico ( 429.7 giorni dopo il danno cerebrale ) e 23 volontari sani confrontabili per età e genere, utilizzando misure di polisonnografia, concentrazione salivare della melatonina all'inizio della sua produzione serale, e qualità del sonno riportata dai pazienti, ansia e depressione.

I pazienti con danno cerebrale traumatico hanno riportato maggiore ansia e sintomi depressivi e disturbi del sonno rispetto ai controlli e hanno mostrato una diminuzione dell’efficienza del sonno e un aumento della veglia notturna ( risveglio dopo l'inizio del sonno, WASO ).

Benché non siano emerse differenze significative tra i gruppi nell'architettura del sonno, quando sono stati controllati i punteggi di ansia e depressione, i pazienti con danno cerebrale traumatico hanno mostrato una maggiore quantità di sonno profondo.

Non sono state osservate differenze nei tempi del sonno o nella concentrazione salivare della melatonina all'inizio della sua produzione serale, tuttavia i pazienti con danno cerebrale traumatico hanno mostrato livelli significativamente più bassi di produzione serale di melatonina.

I livelli di melatonina sono risultati significativamente correlati con il sonno REM, ma non con l’efficienza del sonno o la veglia notturna.

In conclusione, una ridotta produzione serale di melatonina può indicare un’alterazione della regolazione circadiana della sintesi di melatonina, e i risultati suggeriscono che ci sono almeno due fattori che contribuiscono ai disturbi del sonno in pazienti con danno cerebrale traumatico.
Secondo gli Autori, la depressione elevata è associata a una ridotta qualità del sonno e l'aumento del sonno profondo può essere attribuito agli effetti del danno meccanico cerebrale. ( Xagena2010 )

Shekleton JA et al, Neurology 2010; 74: 1732-1738


Neuro2010


Indietro